Virginia tech firm offre al personale la possibilità

Virginia tech firm offre al personale la possibilità di essere pagato in Bitcoin, Ether

L’azienda permetterà ai dipendenti di posticipare una parte del loro stipendio e di riceverlo come parte di un piano di risparmio, denominato in Bitcoin, Bitcoin Cash o Ether.

Sequoia Holdings – fornitore di servizi di sviluppo software, da non confondere con la Bitcoin Pro nota società di venture capital Sequoia Capital – offre al proprio personale la possibilità di accantonare una parte del proprio stipendio e di investirlo in valuta criptata.

È anche, in particolare, un’azienda di proprietà dei dipendenti

Sequoia Holdings ha sede a Reston, Virginia, e fornisce soluzioni ingegneristiche e analitiche al settore della sicurezza nazionale degli Stati Uniti, compresi i dipartimenti di intelligence, difesa e sicurezza interna. È anche, in particolare, un’azienda di proprietà dei dipendenti, il che suggerisce che l’integrazione opzionale della crittovaluta negli accordi salariali potrebbe essere un buon barometro del sentimento popolare del personale.

I dipendenti dell’azienda potranno scegliere di rinviare una parte del loro stipendio e farla investire in Bitcoin (BTC), Bitcoin Cash (BCH) o Ether (ETH). Mentre Sequoia Holdings traccia un’analogia con i diffusi piani di risparmio pensionistico 401(k) per gli altri dipendenti statunitensi, la differenza è che in questo caso il differimento sarà calcolato al netto delle detrazioni fiscali.

Sequoia Holdings non indica quale parte dello stipendio dei dipendenti può essere differita, se scelta, né indica la società di elaborazione dei salari di terzi che si occuperà di trattenere le imposte e di convertire il resto nella valuta criptata scelta. Tutti i risparmi criptati saranno conservati in un portafoglio digitale che sarà gestito da questo stesso processore di terze parti.

In una dichiarazione per l’azienda, il co-fondatore e CEO di Sequoia Holdings, T. Richard Stroup Jr., ha detto:

„Molti dei nostri dipendenti sono entusiasti sostenitori della crittovaluta, e siamo felici di aiutarli ad acquisire un’esposizione a questa classe di attività da mille miliardi di dollari. […] La crittovaluta è emersa come un’importante alternativa agli investimenti tradizionali come azioni e obbligazioni“.

I lettori del Cointelegraph ricorderanno la storia di alto profilo del dicembre 2020, quando diverse testate giornalistiche affermarono che il giocatore della National Football League Russell Okung aveva scelto di ricevere metà del suo stipendio in Bitcoin. Dopo un chiarimento, un portavoce del suo datore di lavoro, i Carolina Panthers, ha confermato che lo stipendio del giocatore non veniva pagato direttamente nella criptovaluta, anche se lo stesso Okung ha lasciato intendere che potrebbe effettivamente scegliere di investire una parte significativa dei suoi guadagni nella criptovaluta.